Natale al sud? Per bus, treni e aerei la stangata è servita – Repubblica.it

Chi lavora al nord ma ha famiglia e amici al sud lo sa bene: il biglietto per tornare a casa a Natale è meglio farlo il prima possibile. Magari a settembre, poche settimane dopo essere tornati al lavoro dalle ferie estive. L’alternativa è rischiosa: trovare bus, treni o aerei a carissimo prezzo. Ora Federconsumatori ha calcolato con precisione i rincari applicati dalle compagnie di trasporti, scoprendo che raggiungono la tripla cifra in termini percentuali.

L’Osservatorio nazionale dell’associazione ha preso in esame diverse tratte dirette a Catania, Reggio Calabria, Bari, Pescara e la Roma-Bologna, confrontando le tariffe applicate nel weekend 8-10 novembre con il periodo che va dal 23 dicembre al 7 gennaio. In media gli aumenti viaggiano tra il 20% e il 144% in più per i treni; il 14% e il 101% per i bus e fino al +188% per gli aerei. L’alta velocità da Roma a Reggio Calabria costa tra i 44,90 e i 49,90 a novembre contro gli 86-112 euro delle feste natalizie; il bus Milano-Bari costa 30 euro in più all’andata e 18 euro in più al ritorno.

Ma le tariffe più volatili di tutte sono, come è noto, quelle aeree. E infatti anche l’indagine di Federconsumatori porta a galla differenze enormi per tratte identiche: il volo Roma-Reggio Calabria costa più del doppio sia all’andata che al ritorno (dai 59 euro di novembre ai 128,50 delle Feste); il Firenze-Bari passa dai 25,50 euro di novembre contro i 79,70 dell’andata a Natale (va un po’ meglio al ritorno con 42,30 euro). Ci sono anche delle eccezioni positive, quella del volo Roma-Bologna, ad esempio, che costa più a novembre (81 euro) che a Natale (poco più di 57 euro). L’indagine completa è stata pubblicata sul sito dell’associazione

Dall’indagine è anche emerso che diverse tratte risultano già esaurite dalla metà di ottobre, con la conseguenza che, chi non può permettersi di prenotare con largo anticipo, ha una scelta ancora più ristretta. “Aumenti senza dubbio motivati dalla maggior domanda e dalle festività – commenta Federconsumatori -, ma che in molti casi risultano davvero esagerati, rivelandosi insostenibili specialmente per gli studenti, spesso indotti a trovare soluzioni alternative come la condivisione di passaggi in auto”. I viaggi in auto condivisi – anche tramite app molto famose come Blablacar – sono infatti una delle soluzioni utilizzate per ovviare alle supertariffe di Natale. Esistono anche diverse app che monitorano quotidianamente le tariffe aeree e segnalano all’utente quando ce n’è una più conveniente, oppure stimano, grazie a un algoritmo statistico, quale sarà il giorno migliore per accaparrarsi un biglietto a prezzi abbordabili.

Federconsumatori ha fatto sapere di avere intenzione di segnalare questa ondata di rincari sia all’autorità Antitrust che all’Autorità dei trasporti per verificare eventuali pratiche scorrette. “Questi prezzi sono proibitivi e inaccettabili, maggiorazioni di questo tipo ledono fortemente il diritto alla mobilità dei cittadini, costringendoli in molti casi a rinunciare a viaggiare nel periodo considerato” tuona l’associazione.

Trenitalia puntualizza però che la differenza di prezzo è imputabile all’assenza di tariffe scontate nei periodi festivi in quanto già esaurite. “Prendendo in considerazione i Frecciargento fra Roma e Reggio Calabria – si spiega – , la tariffa base in seconda classe è pari a 86 euro, sia per novembre sia per la date a ridosso di Natale e Capodanno. La differenza in alcuni giorni è data dalla disponibilità delle tariffe SuperEconomy ed Economy che, invece, in alcuni giorni del periodo natalizio sono già esaurite. Inoltre, va chiarito che il prezzo di 112 euro è relativo a una soluzione con cambio a Napoli Centrale”.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo VerdelliABBONATI A REPUBBLICA

Source link

12 Novembre 2019
Copyright © 2019 Ecoknowledge.it All rights reserved. | Sito realizzato da: SerraSimone