Ecoknowledge: La Previdenza

Le misure compensative APE e RITA

Il corso persegue l’obiettivo di fornire nozioni normative, tecniche, fiscali ed economiche, concernenti la materia assicurativa, con particolare riferimento alla disciplina della Previdenza focalizzandosi sulle misure compensative dell’Anticipo Pensionistico Finanziario Volontario (APE) e della Rendita Integrativa Temporanea (RITA).

Destinatari

Tutti coloro che sono interessati a conoscere ed approfondire le tematiche del corso.
Per gli operatori del settore: Persone dedicate alla gestione della clientela Retail, PMI e Corporate, direttori e vicedirettori di filiale, qualunque operatore del settore assicurativo, personale addetto al coordinamento e al supporto delle Reti vendite.

Obiettivi

L’attività didattica mira al conseguimento di una formazione professionale adeguata ai contratti intermediati ed all’attività svolta mediante:

  • Conoscenze teoriche aggiornate;
  • Capacità tecnico – operative;
  • Esperienza di comunicazione alla clientela.

Modalità d'aula

Lezione frontale ed esercitazioni pratiche

Durata

8 ore (un giorno)

Contenuti

La Previdenza: Le misure compensative APE e RITA

Modulo 1: La Previdenza Pubblica

  1. Le politiche pensionistiche

    • Pensioni Previdenziali ed Assistenziali

    • Le forme di pensioni e gli enti pensionistici

  1. Il Sistema Pensionistico a Ripartizione e Capitalizzazione

    • L’intervento pubblico per ragioni di equità

  1. Le Modalità di calcolo della pensione

  2. Le tappe delle riforme del sistema previdenziale italiano

  3. Prima della riforma Amato del ’92

  4. Il D.lgs. 503 del 1992: La Riforma Amato

    • l’età pensionabile

    • i requisiti di contribuzione minimi

    • la retribuzione media pensionabile

  1. La nascita dei Fondi Pensione (individuali e collettivi)

  2. I Pilastri della previdenza

  3. I metodi di finanziamento delle forme pensionistiche

  4. La contribuzione del PIP

  5. La Riforma Dini (Legge 335/1995)

  6. Il passaggio graduale da un sistema di calcolo retributivo ad uno contributivo

  7. Il coefficiente di trasformazione

  8. L’evoluzione normativa della previdenza complementare

    • Il D.lgs. 47 del 18 febbraio 2000

    • La legge delega n. 243 del 2004 (Riforma Maroni)

    • Il D.lgs. 252 del 2005

  1. Il Terzo Pilastro – Le forme pensionistiche individuali

    • L’innalzamento dell’età pensionabile quale strumento principale per affrontare i problemi di sostenibilità finanziaria dei sistemi pensionistici

  1. Il riordino della disciplina della previdenza complementare

    • Il Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252

    • Articolo 8. Il Finanziamento delle forme pensionistiche complementari

    • Modalità Esplicite e Tacite

    • Articolo 10. Misure compensative per le imprese

    • Art. 13. Forme pensionistiche individuali

  1. I vantaggi Fiscali della Previdenza Complementare

     

Modulo 2: Le penalizzazioni della Riforma Monti Fornero

  1. Le penalizzazioni della Riforma Monti-Fornero

    • L’eliminazione della pensione di anzianità

    • Il passaggio dal metodo retributivo misto al solo metodo contributivo

    • La parificazione dell’età pensionabile

    • La riduzione percentuale dei trattamenti pensionistici

    • L’importo minimo delle pensioni anticipate e di vecchiaia

  1. Proiezioni sul concetto pensionistico

  2. Le obiezioni del cliente

    • Mi basta la pensione pubblica

    • Sono ancora troppo giovane

  1. Dipendenti, professionisti ed atipici: ecco come saranno le nostre pensioni

  2. Proiezioni sull’età pensionabile

    • Pensioni a rischio tasse

    • La Legge n.89 del 23 06 2014

       

Modulo 3: Le misure compensative di APE e RITA per una previdenza flessibile

  1. Indicazioni generali sugli obiettivi

  2. Gli strumenti

  3. L’Anticipo Pensionistico Finanziato (APE)

    • Gli anticipi

    • Il 2017 come ultimo anno di transizione dei requisiti anagrafici

    • I tre scenari possibili al biennio 2019-2020

    • Il requisito contributivo

    • Durata minima e massima dell’APE

    • Gli importi soglia della rata di anticipo concedibile

    • L’importo minimo di pensione

    • La Polizza assicurativa a copertura del prestito in caso di premorienza

  1. Gli accordi quadro con Banche ed Assicurazioni

  2. La Presentazione della Domanda

  3. La Revoca

  4. Come chiedere l’APE Volontario

  5. Casi di esclusione dall’APE

  6. Il Finanziamento e il suo rimborso

  7. I Costi e le imposte

  8. I Risultati attesi

  9. I punti di attenzione dell’APE e il ruolo delle assicurazioni

  10. Un esempio di calcolo

  11. La convenienza dell’APE?

  12. La Rendita Integrativa Temporanea Anticipata (RITA)

  13. I Vantaggi di RITA

    • L’anticipo del ritiro senza prestito da restituire

    • L’assenza di copertura assicurativa in caso di premorienza

    • La piena attribuzione della prestazione finale INPS senza riduzioni

  1. I Requisiti necessari per accedere alla Rendita Integrativa Temporanea

  2. Un confronto tra APE e RITA

  3. I Calcoli della convenienza

  4. La Tassazione di favore

Per informazioni

Davide Giudice: 349 8680230
E-mail: info@ecoknwoledge.it

Copyright © 2019 Ecoknowledge.it All rights reserved. | Sito realizzato da: SerraSimone